inizio spazio tempo argomento notizie chi siamo
 notiziario 609 del 24-10-2014

NON C’E’ PACE TRA GLI OLMI
IL DIBATTITO, SI'
E IL PARCHEGGIO GIUNSE AL CAPOLINEA
SEVESO: LAVORI AL VIA, FORSE
47 PIAZZE PER I FARMERS’ MARKET
COPERTE A RACCOLTA
 
 
 
 
archivio notiziari online
Indice
notizia precedente
notizia successiva

47 PIAZZE PER I FARMERS’ MARKET
Per Expo 2015 la città si riempie di mercati a filiera corta. E poi?

Che l’interesse per il mondo agricolo sia schizzato a livelli mai visti prima è indubbio: colpa/merito dei tempi e per quanto riguarda Milano forse anche un po’ di Expo e delle sue tematiche. Nascono festival dedicati all’agricoltura, prosperano le attività in cascina e, naturalmente, spuntano mercati contadini ovunque. L’ultima iniziativa in ordine di tempo a sostegno dell’agricoltura milanese e lombarda riguarda proprio i cosiddetti “farmers’ markets”: pochi giorni fa il Comune di Milano ha annunciato una nuova iniziativa di valorizzazione del territorio agricolo di prossimità e di promozione dei prodotti rurali a filiera corta.
Da piazza Duca d’Aosta davanti alla Stazione Centrale alla piazzetta dell’Ortica, dal parco Alessandrini a piazza San Nazaro in Brolo alle spalle di corso di Porta Romana, da piazza Santa Maria del Suffragio in corso XXII Marzo al parco cascine Chiesa Rossa, da piazzetta Capuana a via Pirelli in zona Bococca: 47 aree pubbliche  sono state individuate dalle nove Zone cittadine per ospitare i "farmers’market", ovvero i mercati delle eccellenze agricole milanesi e lombarde.
Il progetto sperimentale di due anni è rivolto a operatori agricoli, coltivatori diretti, imprenditori agricoli professionali, società agricole, singoli o associati, iscritti alle Camere di Commercio della Regione Lombardia o delle Province immediatamente limitrofe: c’è tempo fino al prossimo 14 novembre per presentare le domande per la concessione delle aree pubbliche che il Comune di Milano destina all’istituzione e allo svolgimento dei mercati. Oltre alla vendita diretta delle eccellenze agricole, potranno essere realizzate anche attività didattiche, culturali, artistiche, dimostrative per promuovere una corretta alimentazione, a partire dai bambini, e sensibilizzare i consumatori verso i prodotti alimentari, tradizionali e artigianali dei territori rurali.    
Ogni area avrà un “referente di mercato” che sarà responsabile della sua organizzazione e gestione e che sarà individuato dagli stessi operatori agricoli; e una particolare attenzione sarà rivolta alla tracciabilità dei prodotti, con il riconoscimento della loro origine, delle aziende agricole e dei Comuni di provenienza. È previsto poi che ogni mercato abbia un’immagine coordinata e che la disposizione delle strutture di vendita sia in linea con il contesto urbano e lo spazio pubblico circostante.
“Sosteniamo con forza l’agricoltura milanese e lombarda, che produce eccellenze apprezzate ovunque, in Italia e nel mondo: aziende e prodotti che vogliamo promuovere e valorizzare sempre più anche in vista di Expo 2015, importante vetrina per la ricchezza agricola del nostro territorio”, ha detto il vicesindaco e assessore all’Urbanistica con delega all’Agricoltura Ada Lucia De Cesaris.
Chissà se tutto questo interesse continuerà ad essere coltivato dalle istituzioni anche nel post Expo: in fondo il problema dell’eredità di un simile evento si pone non solo in termini di infrastrutture e aree edificate ma anche, a fronte di un pubblico interessato, di servizi e cultura.

A.Pozzi
notizia precedente
notizia successiva